l Primo lotto della variante SS 38 di Morbegno si inserisce in un più ampio progetto di riqualificazione della viabilità nella bassa Valtellina, potenziando l’unica via di comunicazione trasversale alpina fra l’alta Lombardia e il Sud Tirolo; tale intervento ricade interamente nella provincia di Sondrio ed ha uno sviluppo complessivo di 9,6 km gran parte dei quali (oltre 5 km) in galleria.Le attività di progettazione sviluppate riguardano varianti migliorative al progetto definitivo di carattere stradale, ambientale e di inserimento paesaggistico nell’ambito della gara “Accessibilità Valtellina. Lotto primo – SS 38 – Variante di Morbegno dallo svincolo di Fuentes allo svincolo del Tartano”. Secondo Stralcio.Il tracciato si caratterizza inoltre per la presenza di importanti opere d’arte quali il viadotto Adda-Bitto (290 m), il viadotto Torchi Bianchi (230 m - variante migliorativa proposta) e il viadotto Adda Talamona (131 m); il tracciato termina infine con l’ampio svincolo di connessione con il ramo esistente della SS 38.

Le varianti migliorative per la mitigazione ambientale e l’inserimento paesaggistico dell’infrastruttura si sono basate su una attenta analisi del paesaggio, caratterizzato da ripidi versanti terrazzati e coltivati a vigneto e dall’ampia vallata in cui scorre il fiume Adda; i manufatti di sottovia, i muri di sostegno e gli imbocchi delle gallerie sono pertanto stati progettati con dettagli di elevata qualità architettonica richiamando i materiali, i cromatismi e le essenze vegetazionali maggiormente diffuse nel contesto.Nello specifico il linguaggio individuato per i manufatti degli imbocchi persegue l’integrazione fra manufatti architettonici e naturali mediante l’impiego di sottili elementi giustapposti richiamanti le essenze lignee tradizionali locali o cromatismi prevalenti nel territorio che si fondono progressivamente con le morfologie e la vegetazione dei versanti.Specifiche soluzioni sono inoltre state individuate al fine di garantire la fruibilità e la continuità degli importanti itinerari cicloturistici esistenti lungo il corso del fiume Adda.Particolari approfondimenti hanno infine riguardato l’inserimento paesaggistico e ambientale dell’ampio rilevato stradale a ridosso del versante nord della vallata, inserito in un contesto caratterizzato dalla compresenza di ambiti naturalistici di densa vegetazione boschiva e ambiti rurali in cui il versante è stato rimodellato nei secoli mediante terrazzamenti con muretti a secco finalizzati alla coltivazione della vite.Il rilevato è stato pertanto interpretato, dal punto di vista architettonico, come ulteriore elemento delle tradizionali alterazioni morfologiche dei versanti realizzate eroicamente dalle popolazioni valtellinesi per la coltura della vite inserendo una serie di elementi terrazzati con muretti a secco in pietra locale.il nuovo rilevato è stato pertanto interpretato non come semplice elemento intrusivo da mitigare ed occultare bensì come una straordinaria opportunità di racconto ed evocazione di una peculiarità territoriale unica, scaturita dalla secolare convivenza di uomo e ambiente.

Dettagli

Località
Morbegno (SO)
Committente
IMPREGILO S.p.A. - SALINI S.p.A.
Anno
2013