Vai al contenuto

Plateau Rosa

Vai al progetto
Progetto MAS1 Mix House Residenze 25aprile

MIX House XXV Aprile

Vai al progetto

Linea metropolitana M4 Milano

Vai al progetto

Policreo è una società di progettazione che opera dal 1987 nei settori dell’Architettura dell’Ingegneria, e dell’Ambiente perseguendo l’obiettivo della progettazione integrata

Il metodo Policreo

La metodologia multidisciplinare, adottata in ogni fase delle attività di progettazione, è composta da diversi elementi eterogenei che si combinano in modo interdipendente e sinergico.

Caso studio

Ospedale dei bambini di Parma Pietro Barilla

L’Ospedale dei Bambini “Pietro Barilla” di Parma esprime un approccio alle cure pediatriche in cui l’architettura stessa contribuisce alla cura dei piccoli pazienti e perseguendo l’obiettivo di tutelare il benessere totale delle persone partendo dal principio che “non tutto del bambino malato è malato”.

Progetti recenti

Nuovo Ospedale di Piacenza

Anno: 2023

Luogo: Piacenza

Coordinamento e redazione dello Studio di Fattibilità sotto il profilo insediativo, architettonico strutturale, impiantistico e ambientale per la realizzazione del Nuovo Ospedale di Piacenza coincidente con l’area 5 (Area Libera AL 9).

Nell’ambito dell’intervento è stato operato altresì il coordinamento per la redazione dello studio trasportistico dell’opera.

Progetto Nuovo Ospedale di Piacenza

Polo logistico produttivo Ospitaletto

Anno: 2021-ongoing

Luogo: Ospitaletto (BS)

Coordinamento scientifico e documentazione urbanistica e tecnico-ambientale, Studio di Impatto Ambientale, e Studio per la Valutazione dell’Impatto Sanitario (VIS).

Polo Logistico Ospitaletto

Linea 4 della Metropolitana di Milano

Anno: 2023

Luogo: Milano

Progetto definitivo ed esecutivo architettonico-funzionale delle seguenti stazioni ipogee: San Babila, Tricolore, Susa, Argonne, Forlanini Q.re, Linate Aeroporto, dell’asta di manovra e del manufatto Idroscalo, comprensivo dello studio delle emergenze in superficie, delle opere architettoniche di superficie dell’intera linea M4 (coperture scale, coperture postazione di bike sharing e coperture ascensori e torrini impiantistici);
progetto definitivo ed esecutivo strutturale della stazione Forlanini Fs e della porzione del collegamento sotterraneo alla omonima stazione ferroviaria, nonché delle relative sistemazioni esterne, della stazione Linate Aeroporto e dell’edificio “Kiss&ride”, nonché dei collegamenti ipogei con il terminal aeroportuale e delle relative sistemazioni esterne; dei Manufatti Forlanini 3 e 4;
progetto definitivo ed esecutivo della segnaletica fissa per utenti dell’intera Linea M4;
progetto definitivo ed esecutivo delle finiture materiche e cromatiche e degli arredi fissi delle stazioni dell’intera Linea M4.

progetto Linea 4 della Metropolitana di Milano

Lo studio

Policreo studio ufficio, persone al computer

Nella nostra sede di Parma l’architettura degli interni rispecchia e favorisce il nostro approccio operativo che avviene in gruppi di lavoro multidisciplinari chiamati contemporaneamente a un confronto continuo. In tal modo possiamo condurre l’attività di progettazione a livello integrale.

News

Copertina presentazione Progetto Autostrada Cispadana

Policreo alla Conferenza Preliminare per il progetto dell’Autostrada Cispadana

Contatti

Volete sapere di più su cosa facciamo nel nostro studio? Avete un progetto da sottoporci o volete venire a lavorare con noi? Qui trovate tutti i nostri contatti.

Glossario

Beni Culturali

“le cose immobili e mobili che presentano interesse artistico, storico, archeologico, etnoantropologico, archivistico e bibliografico e le altre cose individuate dalla legge o in base alla legge quali testimonianze aventi valore di civiltà” (Codice dei beni culturali e del paesaggio art. 2, comma 2, del D.Lgs.  42/2004). Al concetto di bene culturale fa riferimento il tema più ampio del Patrimonio.

B. immateriali Si tratta di b. intangibili che assurgono propriamente a nuovo b. nel momento in cui si estrinsecano in un elemento materiale e assumono la qualità di bene giuridico allorché riconosciuti dall’ordinamento come oggetto di una tutela specifica. Ciò avviene, per le creazioni intellettuali attinenti al mondo della cultura, al mondo della tecnica e all’identità commerciale dell’impresa, a condizione, però, che presentino i requisiti cui la legge subordina l’applicazione della corrispondente normativa. La tutela avviene mediante quel complesso di regole che va sotto il nome di proprietà intellettuale e mira specificamente ad attribuire all’autore/inventore diritti esclusivi sui risultati della sua attività, precludendo a ogni altro l’utilizzazione e il godimento del bene o subordinandone l’utilizzazione a un compenso.

B. pubblici e di interesse pubblico Sono l’insieme di mezzi di cui si serve la pubblica amministrazione per perseguire l’interesse pubblico, in base alle norme vigenti in materia di finanza, contabilità dello Stato e procedimenti amministrativi. L’art. 1 del r.d. 2440/1923 ne specifica la natura precisando che i primi appartengono esclusivamente allo Stato o agli enti pubblici, mentre i secondi possono appartenere anche a soggetti privati. In particolare, l’ordinamento giuridico non definisce i b. pubblici ma individua categorie di b. sulla base di caratteristiche comuni, quali la finalità pubblica e le limitazioni alla disponibilità, all’uso e alla tutela. Il primo riferimento normativo si ha nell’art. 42 Cost., dove sono indicati due generi di proprietà e si afferma che i b. possono appartenere a soggetti sia pubblici sia privati: «La proprietà è pubblica e privata. I beni appartengono allo Stato, ad enti pubblici o a privati». Il codice civile (art. 822 e seguenti) e altre leggi speciali di settore distinguono i b. pubblici secondo un criterio formale che si fonda sul regime giuridico a questi applicabile (alienabilità, prescrittibilità dei diritti e pretese dei terzi), e individua due principali categorie di b.: i b. demaniali e i b. patrimoniali. I b. demaniali sono inalienabili, imprescrittibili, non suscettibili di usucapione né di espropriazione forzata e non possono essere oggetto di diritti a favore di terzi. Per quanto concerne i b. patrimoniali, definiti anche b. in «proprietà privata dell’ente pubblico», si distingue tra b. indisponibili e b. disponibili, a seconda dell’esistenza o meno di uno specifico vincolo di destinazione pubblica.